OncologiaMedica.net
Gastroenterologia.net
Cardiologia.net

Previsione di eventi epato-correlati con elastografia transitoria in pazienti con epatite B con risposta virologica completa alla terapia antivirale


Nell'era della terapia antivirale, il significato prognostico del livello sierico del DNA del virus della epatite B ( HBV ) come gradiente biologico è sostanzialmente diminuito, dato che la maggior parte dei pazienti può ottenere una risposta virologica completa ( CVR ).
Si è voluto indagare il ruolo predittivo della rigidità del fegato ( LS ) per eventi correlati al fegato ( LRE ) tra i pazienti con risposta virologica completa.

Sono stati analizzati 192 pazienti con infezione cronica da virus HBV che hanno raggiunto risposta virologica completa ( definita come HBV DNA inferiore a 20 UI/ml ) attraverso la terapia con Entecavir.

I valori di rigidità del fegato alla risposta virologica completa sono stati misurati utilizzando l’elastografia transitoria.

Gli eventi correlati al fegato sono stati definiti come qualsiasi complicazione cirrotica, carcinoma epatocellulare e mortalità epato-correlata.

L'età media dei pazienti era di 49 anni e 134 ( 69.8% ) erano di sesso maschile.

Il valore medio di rigidità del fegato alla risposta virologica completa era 8.8 kPa.

Durante il follow-up, si sono verificati eventi correlati al fegato in 25 pazienti ( 13.0% ).
Quando la popolazione è stata stratificata in tre gruppi ( inferiore a 8.0 kPa, 8.0-13.0 kPa e superiore a 13.0 kPa ), l'incidenza cumulativa di eventi correlati al fegato è aumentata in misura significativa in associazione con i valori di rigidità del fegato ( log-rank test, P=0.001 ).

I pazienti con un valore di rigidità del fegato superiore a 13.0 kPa ( hazard ratio, HR=12.336; P=0.027 ) e 8.0-13.0 kPa ( HR=8.832; P=0.041 ) erano a rischio significativamente maggiore rispetto a quelli con un valore di rigidità del fegato minore di 8.0 kPa.

All'analisi multivariata, i valori di età e rigidità del fegato sono stati rilevati come fattori predittivi indipendenti ( tutti P minore di 0.05 ).

Quando i valori di rigidità epatica sono stati incorporati nel modello di punteggio REACH-B invece dei livelli di HBV DNA nel siero, è stata osservata una migliore performance predittiva rispetto a un approccio tradizionale ( area sotto la curva ROC, 0.814 vs 0.629, rispettivamente ).

I valori di rigidità del fegato alla risposta virologica completa sono utili per prevedere l’imminente sviluppo di eventi epato-correlati.
In tal modo, nell'era dell’uso di una terapia antivirale potente, possono essere stabilite strategie di sorveglianza sulla base dei valori di rigidità del fegato alla risposta virologica completa. ( Xagena2014 )

Lee HW et al, Am J Gastroenterol 2014;109:1241-1249

Gastro2014 Inf2014 Diagno2014



Indietro