Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

ABT-450/r - Ombitasvir e Dasabuvir con Ribavirina per epatite C con cirrosi


I regimi contenenti Interferone per il trattamento del virus della epatite C ( HCV ) sono associati a un aumento degli effetti tossici in pazienti che hanno anche la cirrosi.
È stata valutata la combinazione senza Interferone dell'inibitore della proteasi ABT-450 con Ritonavir ( ABT-450/r ), l’inibitore di NS5A Ombitasvir ( ABT-267 ), l’inibitore non-nucleosidico della polimerasi Dasabuvir ( ABT-333 ) e Ribavirina in uno studio in aperto di fase 3 che ha coinvolto adulti precedentemente non-trattati e precedentemente trattati con HCV di genotipo 1 e cirrosi compensata.

Sono stati randomizzati 380 pazienti con cirrosi Child-Pugh A a ricevere 12 o 24 settimane di trattamento con ABT-450/r - Ombitasvir ( a una dose unica giornaliera di 150 mg di ABT-450, 100 mg di Ritonavir e 25 mg di Ombitasvir ), Dasabuvir ( 250 mg due volte al giorno ) e Ribavirina somministrati in base al peso corporeo.

L'endpoint primario di efficacia era la risposta virologica sostenuta dopo 12 settimane dalla fine del trattamento.

Il tasso di risposta virologica sostenuta in ciascun gruppo è stato confrontato con il tasso stimato con un regime a base di Telaprevir ( 47% ). Un margine di non-inferiorità di 10.5 punti percentuali ha stabilito il 43% come soglia di non-inferiorità; la soglia di superiorità è stata del 54%.

In totale, 191 dei 208 pazienti che hanno ricevuto 12 settimane di trattamento hanno avuto una risposta virologica sostenuta 12 settimane post-trattamento, per un tasso del 91.8%.

In totale, 165 dei 172 pazienti che hanno ricevuto 24 settimane di trattamento hanno avuto una risposta virologica sostenuta 12 settimane post-trattamento, per un tasso del 95.9%.
Questi tassi erano superiori al tasso di controllo storico.

I tre eventi avversi più comuni sono stati affaticamento ( nel 32.7% dei pazienti nel gruppo di 12 settimane e nel 46.5% dei pazienti nel gruppo di 24 settimane ), mal di testa ( nel 27.9% e 30.8%, rispettivamente ) e nausea ( 17.8 % e 20.3%, rispettivamente ).

Il livello di emoglobina è stato inferiore a 10 g per decilitro nel 7.2% e nell’11.0% dei pazienti nei rispettivi gruppi.

Complessivamente, il 2.1% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di eventi avversi.

In conclusione, in questo studio di fase 3 con un regime orale senza Interferone valutato esclusivamente in pazienti con infezione da HCV genotipo 1 e cirrosi, la terapia multitarget con l'uso di 3 nuovi agenti antivirali e Ribavirina ha portato a elevati tassi di risposta virologica sostenuta.
Le interruzioni del farmaco a causa di eventi avversi sono state infrequenti. ( Xagena2014 )

Poordad F et al, N Engl J Med 2014; Epub ahead of print

Gastro2014 Inf2014 Farma2014


Indietro