Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Analisi della resistenza nei pazienti con infezione da HCV genotipo 1-6 trattati con Sofosbuvir e Velpatasvir in studi di fase III


La combinazione a dose fissa di Sofosbuvir e Velpatasvir ( Epclusa ) è risultata altamente efficace nei pazienti con infezione da virus dell'epatite C ( HCV ) genotipo ( GT ) 1-6 negli studi ASTRAL.
Una analisi ha valutato l'impatto delle sostituzioni associate alla resistenza al basale ( RAS ) sugli esiti del trattamento e sull'emergenza di RAS nei pazienti infetti da HCV GT1-6 trattati con Sofosbuvir / Velpatasvir.

Il sequenziamento della proteina non-strutturale 5A e 5B ( NS5A e NS5B ) è stato eseguito al basale e al momento della recidiva per tutti i pazienti trattati con la combinazione Sofosbuvir e Velpatasvir per 12 settimane ( n=1.778 ) negli studi ASTRAL-1-3, ASTRAL-5 e POLARIS-2-3.

Pazienti con 37 sottotipi di HCV noti e 19 nuovi sottotipi di HCV sono stati inclusi in queste analisi.

Complessivamente, il 28% ( range dal 9% al 61% a seconda del genotipo ) presentava sostituzioni associate alla resistenza di classe NS5A rilevabili al basale, utilizzando un cut-off del test di sequenziamento del 15%.

Non vi è stato alcun effetto significativo di sostituzioni associate alla resistenza di classe NS5A al basale sulla risposta virologica sostenuta alla settimana 12 ( SVR12 ) con Sofosbuvir / Velpatasvir; il tasso di SVR12 in presenza di sostituzioni associate alla resistenza di classe NS5A è stato del 100% e del 97%, rispettivamente, nei pazienti con infezione da GT1a e GT1b, e del 100% nei pazienti con infezioni da GT2 e GT4-6.

Nell'infezione da GT3, il tasso di risposta virologica sostenuta è stato del 93% e del 98% nei pazienti con e senza sostituzioni associate alla resistenza di classe NS5A al basale, rispettivamente.
Il tasso di fallimento virologico complessivo è stato basso ( 20 su 1.778=1.1% ) nei pazienti trattati con Sofosbuvir / Velpatasvir.

Una resistenza alla classe NS5A singola è stata osservata al fallimento virologico in 17 dei 20 pazienti.

In conclusione, la combinazione Sofosbuvir e Velpatasvir assunto per 12 settimane una volta al giorno ha dato luogo a tassi elevati di risposta virologica sostenuta in pazienti infetti da HC1 GT1-6, indipendentemente dai livelli basali di sostituzioni associate alla resistenza di NS5A.
La resistenza agli inibitori NS5A, ma non la resistenza a Sofosbuvir, è stata rilevata nei pochi pazienti con fallimento virologico.
Questi dati evidenziano l'alta barriera alla resistenza di questo regime per il trattamento della infezione da HCV cronica con tutti i genotipi nella stragrande maggioranza dei pazienti. ( Xagena2018 )

Hezode C et al, J Hepatol 2018; 68: 895-903

Inf2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro