Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Attività infiammatoria migliorata con terapia di mantenimento con Peginterferone alfa-2b nei pazienti non-cirrotici precedentemente non-responder


Le opzioni terapeutiche per i pazienti in cui è fallito un nuovo trattamento per l'epatite C sono limitati.
EPIC(3) ha incluso uno studio prospettico che ha valutato la terapia di mantenimento a lungo termine con Peginterferone alfa-2b ( PegIntron ) nei pazienti con punteggi di fibrosi METAVIR ( MFS ) di F2 o F3 in cui il precedente ritrattamento per la epatite C non era risultato efficace.

I pazienti con MFS F2/F3 che non avevano risposto al ri-trattamento sono stati randomizzati a Peginterferone alfa-2b ( 0.5 mcg/kg/settimana, n=270 ) oppure a osservazione ( n=270 ) per 36 mesi.

Le biopsie epatiche ottenute prima del ritrattamento e dopo la terapia di mantenimento sono stati valutate usando i punteggi MFS e di attività e sono stati eseguiti test di conferma utilizzando FibroTest e ActiTest.

In totale, 348 pazienti hanno subito biopsie accoppiate: 192 pazienti mancavano delle biopsie post-trattamento e sono stati considerati come privi di variazioni nei punteggi di fibrosi / attività.

In totale, il 16% dei pazienti trattati con Peginterferone alfa-2b e l’11% dei pazienti in osservazione ha avuto un miglioramento dei punteggi MFS ( P=0.32 ).

Più pazienti trattati con Peginterferone alfa-2b, rispetto ai pazienti in osservazione hanno presentato un miglioramento del punteggio di attività ( 20% vs 9%, P minore di 0.001 ).

Tra i pazienti trattati per più di 2.5 anni, il miglioramento nel punteggio MFS o nel punteggio di attività è risultato più comune con Peginterferone alfa-2b, rispetto alla osservazione ( 21% vs 14%, P=0.08 e 26% vs 10%, P minore di 0.001 ).

FibroTest e ActiTest hanno indicato un significativo beneficio associato a Peginterferone alfa-2b in termini di ridotta progressione della fibrosi e migliori punteggi di attività.

Il profilo di sicurezza di Peginterferone alfa-2b è risultato simile a studi precedenti.

In conclusione, Peginterferone alfa-2b non ha migliorato in modo significativo i punteggi MFS stimati dalla biopsia, rispetto all’osservazione; tuttavia, i punteggi di attività sono notevolmente migliorati e MFS ha mostrato un maggiore miglioramento con periodi di trattamento maggiori di 2.5 anni.
Sia FibroTest che ActiTest sono sensibilmente migliorati durante la terapia di mantenimento. ( Xagena2013 )

Poynard T et al, J Hepatol 2013; 58: 452-459

Gastro2013 Inf2013 Farma2013


Indietro