Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Medical Meeting

Carico glicemico in relazione a carcinoma epatocellulare tra i pazienti con infezione cronica da virus dell’epatite


Le infezioni croniche da virus dell’epatite B ( HBV ) e dell’epatite C ( HCV ) rivestono un’importanza eziologica fondamentale per il carcinoma epatocellulare, tuttavia altri fattori potrebbero essere importanti.
L’associazione tra diabete mellito, obesità e carcinoma epatocellulare aumenta la possibilità che il carico glicemico alimentare possa interagire con l’infezione cronica da epatite nell’insorgenza del carcinoma epatocellulare.

E’ stato compiuto uno studio caso-controllo su 333 pazienti con carcinoma epatocellulare e 360 controlli.

Dopo aggiustamento per possibili fattori confondenti, è stata osservata un’associazione positiva non-significativa tra il carico glicemico e il carcinoma epatocellulare, che può essere spiegata solo da un’associazione positiva tra carico glicemico e casi di carcinoma epatocellulare con infezione cronica da virus dell’epatite B e/o dell’epatite C.

Per questo ultimo gruppo di pazienti, l’odds ratio ( OR ) tra il più alto rispetto al più basso quintile di carico glicemico è stato pari a 1.95.

L’associazione è risultata più forte dopo l’esclusione dei soggetti diabetici.

In conclusione, questi risultati hanno indicato che, tra i pazienti con infezione cronica da HBV e/o HCV, la riduzione del carico glicemico potrebbe ridurre il rischio, oppure ritardare lo sviluppo di carcinoma epatocellulare. ( Xagena2009 )

Lagiou P et al, Ann Oncol 2009; 20: 1741-1745


Onco2009 Inf2009 Gastro2009



Indietro