Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Daclatasvir e Asunaprevir nei pazienti con infezione da virus HCV genotipo 1b, responder nulli


I pazienti con infezione cronica da virus della epatite C ( HCV ) e precedente risposta nulla a Interferone pegilato ( Peg-IFN ) e Ribavirina, hanno limitate opzioni terapeutiche.

Il genotipo 1 di HCV è il genotipo virale più comune al mondo e il più difficile da trattare; il genotipo 1b è il sottotipo più comune di genotipo 1, al di fuori del Nord America.

La maggiore attività antivirale ottenuta dalla combinazione di due antivirali ad azione diretta ( DAA ) può migliorare gli esiti clinici.

Uno studio di fase IIa, in aperto, ha coinvolto10 pazienti con infezione cronica da HCV genotipo 1b e risposta nulla ( riduzione inferiore a 2 log10 del RNA di HCV dopo 12 settimane ) al precedente trattamento con Peg-Interferone e Ribavirina.

I pazienti hanno ricevuto un trattamento duplice con antivirali ad azione diretta per 24 settimane con l'inibitore del complesso di replicazione NS5A ( proteina non-strutturale 5A ), Daclatasvir ( 60 mg una volta al giorno ), e l’inibitore della proteasi NS3 ( proteina non-strutturale 3 ), Asunaprevir ( inizialmente 600 mg due volte al giorno, successivamente ridotto a 200 mg due volte al giorno ).

L'endpoint primario di efficacia era la percentuale di pazienti con risposta virologica sostenuta ( SVR ) a 12 settimane post-trattamento ( SVR12 ).

Nove pazienti hanno completato 24 settimane di trattamento; 1 paziente ha interrotto il trattamento dopo 2 settimane.
Nei 9 pazienti che hanno completato il ciclo completo di trattamento, l'HCV RNA non era rilevabile alla 8.a settimana ed è rimasto non-rilevabile fino alla fine del trattamento; tutti e 9 i pazienti hanno raggiunto SVR12 e SVR24.

L’RNA di HCV è rimasto non-rilevabile anche nel post-trattamento nel paziente che ha interrotto la terapia dopo 2 settimane.

Non è stato riscontrato nessun breakthrough virale ( comparsa di malattia nei soggetti trattati ).

La diarrea e la cefalea, generalmente lievi, sono stati gli eventi avversi più comuni; aumenti delle transaminasi sono stati riportati in 3 pazienti, ma ciò non ha causato interruzione del trattamento.

In conclusione, la duplice terapia con Daclatasvir e Asunaprevir, senza PegInterferone e Ribavirina, può raggiungere elevati tassi di risposta virologica sostenuta in pazienti, difficili da trattare, con infezione da virus HCV genotipo 1b e precedente risposta nulla a Peg-Interferone e Ribavirina. ( Xagena2012 )

Chayama K et al, Hepatology 2012; 55: 742-748



Inf2012 Gastro2012 Farma2012


Indietro