Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto della risposta virologica a Entecavir sullo sviluppo del carcinoma epatocellulare in pazienti cirrotici con epatite B: confronto tra cirrosi compensata e non-compensata


È stato valutato il rischio di sviluppo del carcinoma epatocellulare ( HCC ) in base allo stato del fegato e alla risposta virologica ( VR ) per Entecavir ( Baraclude ) in pazienti affetti da epatite B cronica con cirrosi.
Sono state anche valutate la concentrazione di peptide N-terminale del procollagene III ( PIIINP ) durante il trattamento con Entecavir e la sua associazione con lo sviluppo di epatocarcinoma.

In totale, 306 pazienti con diagnosi clinica di cirrosi epatica sono stati trattati con Entecavir per 12 mesi o più e sono stati successivamente seguiti per l'insorgenza del carcinoma epatocellulare ( durata media del follow-up: 37.0 mesi ).
Sono stati esclusi pazienti che hanno sviluppato carcinoma epatocellulare entro 12 mesi.

La risposta virologica è stata definita come livello di DNA del virus dell'epatite B inferiore a 20 UI/ml 12 mesi dopo il trattamento con Entecavir.

In totale 209 pazienti ( 68.3% ) avevano cirrosi compensata, e i restanti pazienti ( 31.7% ) avevano cirrosi scompensata.

L'incidenza cumulativa a 5 anni di carcinoma epatocellulare è stata pari a 26.8%.

Sono stati identificati i seguenti fattori di rischio indipendenti per lo sviluppo di carcinoma epatocellulare in tutti i pazienti: età superiore a 50 anni ( hazard ratio, HR=8.41; P=0.000 ), sesso maschile ( HR=4.24; P=0.001 ), alto livello sierico di PIIINP a 12 mesi ( HR=1.07; P=0.007 ) e nessuna risposta virologica a 12 mesi ( HR=2.10; P=0.043 ).

L'analisi dei sottogruppi ha dimostrato che la mancata risposta virologica a 12 mesi è un fattore di rischio significativo per lo sviluppo di carcinoma epatocellulare nei pazienti con cirrosi scompensata ( HR=7.74; P=0.022 ), ma non in quelli con cirrosi compensata ( P=0.749 ).

In conclusione, il trattamento antivirale con Entecavir non ha eliminato completamente il rischio di sviluppare il carcinoma epatocellulare nei pazienti con cirrosi.
Tuttavia, la risposta virologica a Entecavir è risultata associata a una bassa probabilità per i pazienti con cirrosi scompensata di sviluppare carcinoma epatocellulare. ( Xagena2014 )

Kim SS et al, Am J Gastroenterol 2014;109:1223-1233

Gastro2014 Inf2014 Onco2014 Farma2014


Indietro