Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Entecavir riduce gli eventi epatici e i decessi in pazienti affetti da epatite B cronica con cirrosi epatica


Entecavir ( Baraclude ) è un potente agente antivirale con elevata barriera genetica alla resistenza, quindi è attualmente raccomandato come terapia di prima linea antivirale per l'epatite B cronica.

Uno studio retrospettivo prospettico basato su due coorti di pazienti ha studiato l'efficacia di Entecavir sugli esiti clinici e sui decessi.

La coorte Entecavir ha incluso i pazienti affetti da epatite B cronica che avevano ricevuto Entecavir 0.5 mg/die per almeno 12 mesi.
La coorte di controllo ha incluso i pazienti non-trattati reclutati dal 1997, che sono stati sottoposti a cura clinica di routine.

L'esito primario era la probabilità cumulativa a 5 anni di eventi epatici, definiti come eventuali complicanze di cirrosi, carcinoma epatocellulare e/o mortalità correlata al fegato.

Sono stati studiati in totale 1.446 pazienti trattati con Entecavir ( 72% uomini, età 51 anni; follow-up 36 mesi ) e 424 pazienti naïve al trattamento ( 65% uomini, età 41 anni; follow-up 114 mesi ).

Nel complesso, non è stata riscontrata alcuna differenza negli eventi epatici tra la coorte Entecavir e la coorte controllo.

Tra i pazienti con cirrosi epatica ( 482 pazienti trattati con Entecavir, 69 naïve al trattamento ), i pazienti trattati con Entecavir avevano ridotto i rischi di tutti gli esiti clinici, rispetto ai pazienti naïve al trattamento con cirrosi, dopo adeguamento per il punteggio di malattia epatica allo stadio terminale: eventi epatici ( hazard ratio, HR=0.51; P=0.002 ), carcinoma epatocellulare ( HR=0.55; P=0.049 ), mortalità correlata al fegato ( HR=0.26; P minore di 0.001 ) e mortalità per tutte le cause ( HR=0.34; P minore di 0.001 ).

I pazienti trattati con Entecavir con cirrosi che non sono riusciti a raggiungere DNA HBV ( virus dell'epatite B ) non-rilevabile ( 105 su 482, 22% ) avevano un rischio di eventi epatici comparabile a quello dei pazienti non-trattati.

In conclusione, la terapia con Entecavir ha ridotto il rischio di eventi epatici, carcinoma epatocellulare, mortalità correlata al fegato e per tutte le cause dei pazienti affetti da epatite B cronica con cirrosi epatica a 5 anni, in particolare tra coloro che avevano mantenuto la soppressione virale. ( Xagena2013 )

Wong GLH et al, Hepatology 2013; 58: 5: 1537-1547

Inf2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro