Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

I trattamenti di bellezza e la diffusione delle infezioni da HBV ed HCV


Ricercatori del Laboratorio di Epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità di Roma hanno valutato il ruolo dei trattamenti di bellezza nella diffusione dell’epatite B e dell’epatite C in Italia.

I dati, riguardanti il periodo 1997-2002, sono stati ottenuti dal database SEIEVA ( Surveillance System for Acute Viral Hepatitis ).

Sono stati esclusi i soggetti di età inferiore ai 15 anni e di età superiore ai 55 anni, e coloro che hanno riferito di aver assunto droghe per via endovenosa o di aver ricevuto trasfusioni di sangue.

E’ stata valutata l’associazione tra trattamenti di bellezza ( tattooing, piercing, chiropodia / manicure, rasatura dal barbiere ) ed infezione virale da virus dell’epatite B ( HBV ) e da virus dell’epatite C ( HCV ).

I trattamenti di bellezza sono risultati associati sia all’epatite B acuta ( odds ratio, OR = 1,8 ) che all’epatite C acuta ( OR = 1,7 ).

La maggiore associazione è stata trovata tra rasatura dal barbiere ed epatite B ( OR = 1,8 ) e tra tattoing ed epatite C ( OR = 5,6 ).

Il rischio attribuibile di popolazione ( RAP ) stimato ha indicato che circa il 15% di tutte le epatiti B acute ( 17,4% nei maschi ) e l’11,5% di tutte le epatiti C ( 16,4% nei maschi ), che si sono presentate nei soggetti di età compresa tra i 15 ed i 55 anni, non esposti a droghe per via endovenosa o a trasfusione di sangue, erano dovute a trattamenti di bellezza.

Questa ricerca sostiene che alcuni trattamenti di bellezza possono svolgere, in Italia, un importante ruolo nella trasmissione delle infezioni da virus dell’epatite B e da virus dell’epatite C.

Mariano A et al, J Med Virol 2004; 74: 216-220

Inf2004 Gastro2004


Indietro