Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

Il virus dell’epatite C che persiste dopo apparente risposta virologica sostenuta indotta dalla terapia rimane infettivo in vitro


Il virus dell’epatite C ( HCV ) può persistere nel fegato, nelle cellule linfoidi e nel siero di individui con risoluzione apparentemente completa, spontanea o indotta dalla terapia antiepatite, e può replicarsi in vivo e in vitro nelle cellule T umane.

Uno studio canadese ha valutato l’infettività di HCV che persisteva a livelli molto bassi.

Le cellule linfoidi naive sono state esposte al plasma e/o ai supernatanti di cellule mononucleari coltivate del sangue periferico di 9 pazienti con risposta virologica apparentemente sostenuta dopo completamento della terapia antivirale.

Le cellule esposte sono state analizzate con filamenti di RNA a polarità positiva e negativa, e, in casi selezionati, per la proteina NS5a, la comparsa di varianti di HCV, e il rilascio di virioni.

E’ stato osservato che il virus dell’epatite C che persiste a bassissimi livelli dopo la risoluzione dell’infezione virale indotta dalla terapia, può rimanere infettivo. ( Xagena2008 )

MacParland SA et al., Hepatology 2008 ; Epub ahead of print


Gastro2008 Inf2008



Indietro