Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il virus dell'epatite C cronica aumenta il rischio di malattia renale cronica mentre un trattamento per HCV efficace diminuisce l'incidenza della malattia renale cronica


È stato valutato il rischio di malattia renale cronica ( CKD ) nei pazienti con infezione cronica da virus dell'epatite C ( HCV ), e la riduzione dell'incidenza della malattia renale cronica dopo il trattamento per HCV.
È stato anche valutato il rischio di glomerulonefrite membranoproliferativa ( MPGN ) e crioglobulinemia in pazienti con infezione da HCV cronica.
È stata condotta una analisi retrospettiva della coorte del database Truven Health MarketScan ( 2008-2015 ) negli Stati Uniti.

In una coorte di 56.848 pazienti con infezione da HCV e 169.344 pazienti non-affetti da infezione da HCV abbinati per propensione è stata esaminata l'associazione dell'infezione da HCV con l'incidenza di malattia renale cronica.
Su 55.818 pazienti con infezione da HCV, il 6.6% ( n=3.666 ), il 6.3% ( n=3.534 ) e l'8.3% ( n=4.628 ) hanno ricevuto terapia a base di Interferone doppia, tripla o terapia con agenti antivirali ad azione diretta tutta orale, rispettivamente, mentre il 79% dei pazienti non ha ricevuto alcun trattamento per HCV.

I modelli di rischio proporzionale di Cox sono stati usati per confrontare il rischio di sviluppare insufficienza renale cronica in pazienti con HCV rispetto a pazienti non-HCV e pazienti trattati rispetto a pazienti con HCV non-trattati.

In un modello di regressione multivariata di Cox variabile nel tempo, i pazienti con infezione da HCV hanno presentato un rischio aumentato del 27% di nefropatia cronica, rispetto ai pazienti non-HCV ( hazard ratio, HR=1.27 ).

Tra i pazienti con HCV, le persone che hanno ricevuto il trattamento per HCV minimamente efficace per la terapia doppia, tripla o tutta orale hanno presentato un rischio ridotto del 30% di sviluppare malattia renale cronica ( HR=0.70 ).

Inoltre, i pazienti con infezione da HCV hanno presentato un rischio duplice e quasi 17 volte più elevato di glomerulonefrite membranoproliferativa ( HR=2.23 ) e crioglobulinemia ( HR=16.99 ), rispetto ai pazienti non-HCV.

In conclusione, gli individui con infezione da HCV negli Stati Uniti sono a maggior rischio di sviluppare malattia renale cronica, glomerulonefrite membranoproliferativa e crioglobulinemia.
Il trattamento minimamente efficace dell'infezione da HCV può prevenire lo sviluppo di malattia renale cronica, sebbene l'associazione non fosse significativa per la terapia tutta orale.( Xagena2018 )

Park H et al, Hepatology 2018; 67: 492-504

Gastro2018 Inf2018 Nefro2018



Indietro