Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Medical Meeting

Iporesponsività a PegInterferone alfa2b e Ribavirina in pazienti con epatite C correlata a fibrosi avanzata


Il successo della terapia con Interferone pegilato ( PegIFN ) e Ribavirina ( RBV ) per l'epatite cronica C è compromesso dalla fibrosi epatica.
Non è noto in che modo la fibrosi interferisca ugualmente sulle due terapie a base di PegInterferone alfa.

È stata valutata la risposta ai due regimi a base di PegInterferone in pazienti con diverso grado di fibrosi epatica.

Un totale di 431 nuovi pazienti consecutivi sono stati assegnati in modo casuale, in base al genotipo del virus dell’epatite C ( HCV ), a ricevere (A) PegInterferone alfa 2a ( Pegasys ) 180 microg/sett più giornalmente Ribavirina 800-1200 mg o (B) PegInterferone alfa2b ( PegIntron ) 1.5 microg/kg/settimana più giornalmente Ribavirina 800-1200 mg.

I pazienti sono stati stratificati in base alla stadiazione Ishak ( S ) in lieve ( S0-S2 ) o moderata ( S3, S4 ) fibrosi e cirrosi ( S5, S6 ).

Nel regime A, i tassi di risposta virologica sostenuta ( SVR ) non sono stati significativamente influenzati dallo stadio della fibrosi ( 71% in S0-S2, 66% in S3, S4, 53% in S5, S6; p=0.12 ), rispetto al regime B, dove i tassi di risposta virologica sostenuta sono risultati differenti in base allo stadio della fibrosi ( 65%, 46%, e 38%; p=0.004, rispettivamente ).

Questa differenza è stata ancora più marcata nei pazienti con infezione da HCV genotipo 1/4, trattati con Interferone pegilato alfa2b in cui i tassi di risposta virologica sostenuta sono stati il doppio in S0-S2 versus S maggiore o uguale a 3 ( 44% vs 22%; p =0.02 ), mentre nel regime A i tassi di risposta virologica sostenuta sono stati simili tra i due sottogruppi di fibrosi ( S0-S2: 47% vs S maggiore o uguale a 3: 48%, p=0.8 ).

Con l'analisi di regressione logistica il genotipo 1/4 e la mancanza di una rapida risposta virologica sono risultati essere predittori indipendenti di fallimento del trattamento in entrambi i gruppi di trattamento, mentre la fibrosi S maggiore o uguale a 3 è stata associata al fallimento del trattamento con PegInterferone alfa2b ( OR=2.83; p=0.004 )

In conclusione, la fibrosi epatica è un mediatore indipendente di esito del trattamento nei pazienti trattati con PegInterferone alfa2b, ma non in quelli che hanno ricevuto PegInterferone alfa2a. ( Xagena2012 )

Prati GM et al, J Hepatol 2012; 56: 341-347


Gastro2012 Inf2012 Farma2012


Indietro