Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

L’alcol non ha effetto sulla replicazione del virus dell’epatite C


I pazienti con infezione da virus dell’epatite C ( HCV ) che assumono alte quantità di alcol presentano una forma più grave di malattia epatica rispetto ai pazienti con HCV senza una storia di consumo di alcol.

Il meccanismo mediante il quale l’alcol peggiora la malattia epatica da HCV non è completamente noto.

Si ritiene che l’alcol stimoli la replicazione di HCV.

Ricercatori dei Veterans Affairs Medical Center di Houston hanno compiuto una meta-analisi che ha valutato l’effetto dell’alcol sulle concentrazioni virali.

Sono stati identificati 14 studi.

Il confronto tra i pazienti con il più alto consumo di alcol ed il gruppo di astemi ha mostrato una significativa associazione con il carico virale in 3 studi; in 5 studi si è osservato un trend positivo, mentre nei rimanenti 4 studi una relazione negativa.

L’analisi dei risultati combinati non ha mostrato nessuna associazione tra assunzione di alcol e livelli virali.

La valutazione della quantità di alcol non ha mostrato significative differenze tra i non-bevitori ed i bevitori moderati, tra i non-bevitori ed i forti bevitori o tra i bevitori moderati ed i forti bevitori.

Questa meta-analisi non ha mostrato alcuna associazione tra il consumo di alcol e le concentrazioni virali di HCV.

Queste osservazioni forniscono sostegno alla tesi che il danno epatico causato dall’alcol e dal virus dell’epatite C possa essere additivi.( Xagena2005 )

Anand BS, Thornby J, Gut 2005; 54: 1468-1472

Gastro2005


Indietro