Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'eradicazione di HCV indotta da agenti antivirali ad azione diretta riduce il rischio di carcinoma epatocellulare


Non è chiaro se la risposta virologica sostenuta ( SVR ) indotta dal trattamento antivirale ad azione diretta sia in grado di ridurre il rischio di carcinoma epatocellulare nei pazienti con infezione da HCV ( virus dell'epatite C ).
Pertanto è stato determinato in uno studio l'impatto della risposta virologica sostenuta indotta dagli antivirali ad azione diretta ( DAA ) sul rischio di carcinoma epatocellulare.

Sono stati identificati 62.354 pazienti che hanno iniziato un trattamento antivirale nel sistema sanitario Veterans Affairs ( VA ) nel periodo1999-2015, inclusi 35.871 ( 58% ) regimi di solo Interferone ( IFN ), 4.535 ( 7.2% ) regimi DAA + IFN e 21.948 ( 35% ) regimi con solo DAA.
I pazienti sono stati seguiti in modo retrospettivo fino al 2017 per identificare i casi incidenti di carcinoma epatocellulare.

Sono stati identificati 3.271 casi di epatocarcinoma diagnosticati almeno 180 giorni dopo l'inizio del trattamento antivirale durante un follow-up medio di 6.1 anni.
L'incidenza di carcinoma epatocellulare è risultata massima nei pazienti con cirrosi e fallimento del trattamento ( 3.25 per 100 anni-paziente ), seguita da cirrosi e risposta virologica sostenuta ( 1.97 ), assenza di cirrosi e fallimento del trattamento ( 0.87 ) e assenza di cirrosi e risposta virologica sostenuta ( 0.24 ).

La risposta virologica sostenuta è risultata associata a un rischio significativamente ridotto di carcinoma epatocellulare in modelli multivariati indipendentemente dal fatto che il trattamento antivirale fosse con solamente antivirali ad azione diretta ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.29 ), DAA + IFN ( aHR=0.48 ) o solo IFN ( aHR=0.32 ).

L’assunzione di un regime con DAA da solo o DAA + IFN non è risultata associata a un aumento del rischio di epatocarcinoma rispetto all’assunzione di un regime con solo IFN.

In conclusione, la risposta virologica sostenuta indotta da antivirali ad azione diretta è associata a una riduzione del 71% nel rischio di carcinoma epatocellulare.
Il trattamento con agenti antivirali ad azione diretta non è correlato a un aumento del rischio di carcinoma epatocellulare rispetto al trattamento con Interferone. ( Xagena2018 )

Ioannou GN et al, J Hepatol 2018; 68: 25-32

Gastro2018 Inf2018 Onco2018



Indietro