Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rischio di carcinoma epatocellulare nei pazienti trattati con Entecavir versus Tenofovir per epatite B cronica


Entecavir e Tenofovir disoproxil fumarato hanno efficacia comparabile nel raggiungere endpoint surrogati, inclusa la risposta virologica, e sono ugualmente raccomandati come trattamento di prima linea per i pazienti con epatite B cronica.
Tuttavia, non è chiaro se il trattamento con questi farmaci sia associato a esiti clinici equivalenti, in particolare lo sviluppo del carcinoma epatocellulare ( HCC ).

Sono stati confrontati Entecavir e Tenofovir sul rischio di carcinoma epatocellulare e morte o trapianto di fegato in pazienti con infezione cronica da virus dell'epatite B in uno studio di coorte di popolazione storica nazionale che ha coinvolto pazienti adulti naive al trattamento con epatite B cronica che hanno iniziato il trattamento con Entecavir ( n=11.464 ) o Tenofovir disoproxil fumarato ( n=12.692 ) tra il 2012 e ii 2014, utilizzando i dati del database del Servizio nazionale di assicurazione sanitaria coreano.

Come validazione, è stata analizzata una coorte ospedaliera di pazienti con epatite B cronica trattati con Entecavir ( n=1.560 ) o Tenofovir ( n=1.141 ) in un Centro di riferimento tra il 2010 e il 2016.

Gli esiti principali erano i tassi di incidenza cumulativi di epatocarcinoma e i tassi di morte e trapianto.

Nella coorte di popolazione di 24.156 persone, l'età media era di 48.9 anni e 15.120 pazienti ( 62.6% ) erano di sesso maschile.
Nella coorte ospedaliera di 2.701 persone, l'età media era di 48.8 anni e 1.657 pazienti ( 61.3% ) erano di sesso maschile.

Nella coorte di popolazione, il tasso di incidenza annuale di epatocarcinoma è stato significativamente inferiore nel gruppo con Tenofovir ( 0.89 per 100 anni-persona ) rispetto al gruppo Entecavir ( 1.19 per 100 anni-persona ).

Mediante analisi multivariata aggiustata, la terapia con Tenofovir è stata associata a un rischio significativamente inferiore di carcinoma epatico ( hazard ratio, HR, 0.68 ) e a nessun rischio significativamente differente di mortalità per tutte le cause o trapianto ( HR, 0.89 ) rispetto a Entecavir.

Il gruppo Tenofovir ha anche mostrato un rischio significativamente inferiore di carcinoma epatocellulare nella coorte di popolazione di 10.923 coppie di pazienti abbinati per punteggio di propensione ( HR, 0.68 ) e la coorte ospedaliera con 869 coppie abbinate per punteggio di propensione ( HR, 0.68 ) rispetto al gruppo Entecavir.

Questo studio ha indicato che il trattamento con Tenofovir è associato a un rischio significativamente inferiore di carcinoma epatocellulare rispetto al trattamento con Entecavir in una coorte di adulti con epatite B cronica basata sulla popolazione, ma non vi è stata alcuna differenza statisticamente significativa nella mortalità.
Questi risultati sono stati convalidati in una coorte ospedaliera.
Data la cattiva prognosi dei pazienti con carcinoma epatocellulare, questi risultati possono avere notevoli implicazioni cliniche nella prevenzione di questo tumore nei pazienti con infezione cronica da virus dell'epatite B. ( Xagena2019 )

Choi J et al, JAMA Oncol 2019; 5: 30-36

Gastro2019 Onco2019 Inf2019 Farma2019


Indietro