Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Risposta virologica in seguito a somministrazione combinata di Ledipasvir e Sofosbuvir in pazienti con co-infezione da HCV genotipo 1 e da HIV


Vi è un bisogno insoddisfatto di un trattamento senza Interferone e senza Ribavirina per l’infezione da virus dell'epatite C cronica ( HCV ) in pazienti co-infettati con il virus dell'immunodeficienza umana ( HIV ).

Sono state valutate le percentuali di risposta virologica sostenuta ( SVR ) e gli eventi avversi in pazienti non precedentemente trattati con HCV di genotipo 1 e co-infezione da HIV a seguito di un trattamento di 12 settimane con la combinazione a dose fissa di Ledipasvir e Sofosbuvir ( Harvoni ).

È stato effettuato uno studio pilota in aperto, di fase 2b su pazienti precedentemente non-trattati, non-cirrotici con infezione da HCV di genotipo 1 e co-infezione da virus HIV presso il Clinical Research Center of the National Institutes of Health ( NIH ), Bethesda, Maryland, nel periodo 2013-2014.
I pazienti hanno incluso quelli sottoposti a terapia antiretrovirale con valori di HIV RNA di 50 copie/ml o meno e una conta di linfociti T CD4 di 100 cellule/ml o superiore o pazienti con infezione da HIV non-trattata con una conta di linfociti T CD4 di 500 cellule/ml o superiore.

Sono state effettuate misurazioni seriali dei parametri di sicurezza, virologici e immunitari correlati all’ospite e dell'aderenza.
A 50 pazienti con HCV genotipo 1 mai trattati per infezione da HCV è stata prescritta una combinazione a dose fissa di Ledipasvir ( 90 mg ) e Sofosbuvir ( 400 mg ) una volta al giorno per 12 settimane.

L'esito primario dello studio era la percentuale di pazienti con risposta virologica sostenuta ( livelli plasmatici di HCV RNA inferiori a 12 UI/ml ) 12 settimane dopo la fine del trattamento.

49 partecipanti su 50 ( 98% ) hanno raggiunto risposta virologica sostenuta 12 settimane dopo la fine del trattamento, mentre 1 paziente è andato incontro a una ricaduta 4 settimane dopo il trattamento.

Nel paziente con ricaduta, il sequenziamento profondo ha rivelato una mutazione associata a resistenza nella regione NS5A che conferisce resistenza agli inibitori NS5A, come Ledipasvir.

Gli eventi avversi più comuni sono stati congestione nasale ( 16% ) e mialgia ( 14% ).
Non ci sono state interruzioni o gravi eventi avversi attribuibili al farmaco in studio.

In conclusione, in questo studio pilota in aperto, non-controllato, nei pazienti coinfettati con HCV di genotipo 1 e HIV, la somministrazione di una combinazione orale di Ledipasvir e Sofosbuvir per 12 settimane è risultata associata ad alti tassi di risposta virologica sostenuta dopo il completamento del trattamento.
Sono necessari studi più ampi che comprendono anche pazienti con cirrosi e più bassa conta delle cellule T CD4 per capire se i risultati di questo studio si possono generalizzare a tutti i pazienti coinfettati con HCV e HIV. ( Xagena2015 )

Osinusi A et al, JAMA 2015; 313: 1232-1239

Inf2015 Gastro2015 Farma2015


Indietro