Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed effetto antivirale della Silibinina endovenosa con impiego prolungato nella infezione da HCV genotipo 1 nell’immediato periodo del trapianto di fegato


La reinfezione del fegato trapianto è regola nei pazienti con cirrosi da virus della epatite C ( HCV ) sottoposti a trapianto di fegato, e HCV-RNA raggiunge livelli pre-trapianto entro il primo mese.
La monoterapia a breve termine per via endovenosa con Silibinina ( Legalon SIL ) è sicura e mostra una potente effetto in vivo anti-HCV.

Si è cercato di valutare la sicurezza e l'effetto antivirale di Silibinina, somministrata per via endovenosa in modo prolungato, immediatamente prima del trapianto di fegato.

È stato compiuto uno studio pilota prospettico in un unico Centro per valutare la sicurezza e l'effetto sulla cinetica di HCV-RNA durante almeno 21 giorni di Silibinina per via endovenosa in monoterapia ( 20 mg/kg/die ) in 9 soggetti con infezione da HCV genotipo 1, rispetto a un gruppo di controllo non-trattato di 7 soggetti trapiantati, precedentemente, e sottoposti allo stesso regime immunosoppressivo ( Basiliximab, steroidi, Tacrolimus, Micofenolato ).

La Silibinina intravenosa ha portato a significativi, progressivi cali di HCV-RNA, che si sono mantenuti nel tempo ( calo medio di HCV-RNA alla settimana 3, -4.1 log(10) UI/ml ) e alla mancanza di rialzo virale durante la somministrazione.

Quattro pazienti ( 44% ) hanno raggiunto la negativizzazione di HCV-RNA, mantenuta durante il trattamento con Silibinina, rispetto a nessuno nel gruppo di controllo, ma HCV-RNA è recidivato in tutti dopo una media di 21 giorni, in seguito alla interruzione di Silibinina.

I responder parziali alla Silibinina hanno mostrato una riduzione marcata di HCV-RNA rispetto ai controlli, ma inferiore a quella della risposta completa.

Non ci sono stati effetti clinici avversi; è stato osservato nel gruppo Silibinina iperbilirubinemia transitoria asintomatica ( settimana 2, 4.2 vs 2.5 mg/dl, P=0.02 ).

In conclusione, una monoterapia prolungata per via endovenosa con Silibinina è sicura nel periodo immediato al trapianto di fegato, e produce un potente effetto antivirale tempo-dipendente e alla mancanza di rialzo di HCV-RNA durante la somministrazione. Tuttavia, i livelli di HCV-RNA aumentano di nuovo dopo l’interruzione del farmaco, e la monoterapia con Silibinina non evita la reinfezione del trapianto. ( Xagena2013 )

Bárcena R et al, J Hepatol 2013; 58: 421-426

Gastro2013 Chiru2013 Inf2013


Indietro