Gastrobase.it
XagenaNewsletter
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa

Telaprevir per la infezione cronica da virus della epatite C non-trattata in precedenza


Negli studi di fase 2, Telaprevir ( Incivek; in Italia: Incivo ), un inibitore proteasico del virus dell’epatite C ( HCV ) di genotipo 1, in combinazione con Peginterferone e Ribavirina, rispetto a Peginterferone e Ribavirina da soli, ha mostrato una maggiore efficacia e potenzialità di abbreviare la durata del trattamento nella maggior parte dei pazienti.

In uno studio, internazionale di fase 3, randomizzato, in doppio cieco e placebo controllato, 1.088 pazienti con infezione da virus HCV di genotipo 1 non-trattati in precedenza per l’infezione sono stati assegnati a uno dei tre gruppi di studio: Telaprevir in combinazione con Peginterferone alfa-2a e Ribavirina per 12 settimane ( gruppo T12PR ), seguito da Peginterferone e Ribavirina da soli per 12 settimane se HCV RNA risultava non-individuabile alle settimane 4 e 12 o per 36 settimane se HCV RNA era individuabile in uno dei momenti della misurazione; Telaprevir con Peginterferone e Ribavirina per 8 settimane e placebo Peginterferone e Ribavirina per 4 settimane ( gruppo T8PR ), seguito da 12 o 36 settimane di Peginterferone e Ribavirina in base degli stessi criteri legati alla presenza di RNA di HCV; placebo con Peginterferone e Ribavirina per 12 settimane, seguito da 36 settimane di Peginterferone-Ribavirina ( gruppo PR ).

L’endpoint primario era la proporzione di pazienti con livelli plasmatici di RNA di HCV non-identificabile a 24 settimane dopo la prima dose pianificata di trattamento ( risposta virologica sostenuta ).
Una percentuale significativamente più alta di pazienti nei gruppi T12PR o T8PR rispetto al gruppo PR ha mostrato risposta virologica sostenuta ( 75% e 69%, rispettivamente, versus 44%; P inferiore a 0.001 per il confronto dei gruppi T12PR o T8PR con il gruppo PR ).

Il 58% dei pazienti trattati con Telaprevir sono risultati idonei a ricevere un trattamento della durata totale di 24 settimane.

Anemia, effetti collaterali gastrointestinali e rash cutanei si sono manifestati con incidenza maggiore tra i pazienti trattati con Telaprevir che tra quelli trattati con Peginterferone e Ribavirina da soli.

Il tasso generale di interruzione del trattamento a causa di eventi avversi è stato pari al 10% nei gruppi T12PR e T8PR e del 7% nel gruppo PR.

In conclusione, Telaprevir con Peginterferone e Ribavirina, rispetto a Peginterferone e Ribavirina da soli, è risultato associato a un miglioramento significativo dei tassi di risposta virologica sostenuta nei pazienti con infezione da virus HCV di genotipo 1 non-trattati in precedenza.
Nella maggior parte dei pazienti il trattamento è stato somministrato solo per 24 settimane. ( Xagena2011 )

Jacobson IM et al, N Engl J Med 2011; 364: 2405-2416


Gastro2011 Inf2011 Farma2011


Indietro