Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia senza Interferone per l’infezione da virus della epatite C genotipo 1


Una combinazione senza Interferone a base di inibitore della proteasi ABT-450 con Ritonavir ( ABT-450/r ), inibitore non-nucleosidico della polimerasi ABT-333 ( Dasabuvir ), e Ribavirina ha dimostrato efficacia contro il virus della epatite C ( HCV ) in uno studio pilota che ha coinvolto pazienti con infezione da HCV genotipo 1.
L'aggiunta di un altro agente, l'inibitore NS5A ABT-267 ( Ombitarsvir ), può migliorarne l'efficacia, specialmente nei pazienti difficili da trattare.

Questo studio è stato disegnato per valutare diversi regimi di agenti antivirali diretti e Ribavirina in pazienti con epatite C cronica genotipo 1 che non-trattati in precedenza o che non avevano avuto risposta alla precedente terapia con Interferone pegilato e Ribavirina.

In questo studio, in aperto, di fase 2b, con 14 sottogruppi di trattamento, 571 pazienti senza cirrosi che non avevano ricevuto il trattamento in precedenza o che non avevano avuto una risposta a una precedente terapia sono stati assegnati in modo casuale ad un regime di ABT-450/r, combinato con ABT-267 o ABT-333 o entrambi, per 8, 12, o 24 settimane e hanno ricevuto almeno una dose della terapia.

Tutti i sottogruppi tranne uno hanno anche ricevuto Ribavirina ( dose determinata in base al peso corporeo ).

L'endpoint primario è stata la risposta virologica sostenuta a 24 settimane dopo la fine del trattamento.

L'analisi primaria di efficacia ha confrontato i tassi tra pazienti precedentemente non-trattati che hanno ricevuto 3 agenti antivirali ad azione diretta e Ribavirina per 8 settimane e coloro che hanno ricevuto la stessa terapia per 12 settimane.

Tra i pazienti precedentemente non-trattati che hanno ricevuto 3 agenti antivirali ad azione diretta ( con la dose di ABT-450/r somministrata al dosaggio di 150 mg di ABT-450 e 100 mg di Ritonavir ) più Ribavirina, il tasso di risposta virologica sostenuta a 24 settimane dopo il trattamento è stato pari all’88% tra coloro che hanno ricevuto la terapia per 8 settimane e 95% tra coloro che hanno ricevuto la terapia per 12 settimane ( differenza, -7 punti percentuali, P=0.24 ).

I tassi di risposta virologica sostenuta in tutti i sottogruppi di trattamento variavano da 83% a 100%.

Gli eventi avversi più frequenti sono stati affaticamento, cefalea, nausea e insonnia. 8 pazienti ( 1% ) hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi.

In conclusione, in questo studio di fase 2b, i regimi orali di agenti antivirali e Ribavirina sono stati efficaci sia nei pazienti con infezione da HCV genotipo 1 che non avevano ricevuto la terapia in precedenza sia in quelli che non avevano presentato risposta a una precedente terapia. ( Xagena2014 )

Kowdley KV et al, N Engl J Med 2014; 370: 222-232

Gastro2014 Inf2014 Farma2014


Indietro